IL WEEKEND DELLE BOCCE MARCHIGIANE, TUTTI I RISULTATI

Pubblicato il da Notizie Sportive Potenza Picena

IL WEEKEND DELLE BOCCE MARCHIGIANE, TUTTI I RISULTATI

 

SERIE A, SERIE A2

OIKOS FOSSOMBRONE PROMOSSA IN SERIE A

MONTEGRANARO RETROCESSO IN A2

MONTESANTO FUORI DAI PLAY-OFF DELLA SERIE A

FONTESPINA SALVO IN SERIE A

Ultima giornata dolce-amara per le squadre marchigiane impegnate nei campionati di serie A e serie A2 di bocce, specialità raffa. Una stagione particolare perché i campionati erano stati sospesi a marzo per l'emergenza Covid proprio quando mancava una sola giornata alla conclusione della regular season. L'ultimo turno è stato dunque recuperato sabato 12 settembre.

A gioire, tra le marchigiane, è l' Oikos Fossombrone che, vincendo in casa per 6-2 il derby dell'entroterra pesarese contro il Vallefoglia, ha conquistato la promozione in serie A compiendo in due anni il doppio salto dai campionati di promozione alla massima categoria. Enorme soddisfazione per la società del presidente Umberto Eusepi e festa grande in una città dove la passione per la raffa si vive da sempre. Artefici del successo Andrea Grilli (capitano), Silvano Girolomini, Alex Girolomini, Valeriano Rotatori, Cesare Carbonari, Fabio Battistini, Tonino Aguzzi (c.t.) e Massimo Ansuini (dirigente accompagnatore).

La promozione del Fossombrone fa sì che il contingente marchigiano nella prossima serie A resti invariato a quota tre squadre, visto che, a fare da contraltare, c'è la retrocessione dalla A alla A2 del Montegranaro. I veregrensi avrebbero avuto bisogno di un miracolo nell'ultima giornata. Dovevano infatti vincere in trasferta il derby marchigiano contro il Fontespina e sperare in risultati favorevoli da altri campi. Nessuna delle due cose si è verificata. Il Fontespina si è imposto per 6-2 e ha ottenuto i punti per salvarsi, mentre per il Montegranaro è arrivato il verdetto definitivo di retrocessione.

Esce delusa dall'ultima giornata anche un'altra squadra marchigiana di serie A, il Montesanto Potenza Picena a cui bastava un punto nella trasferta abruzzese di Mosciano per garantirsi l'accesso ai play-off per accedere alle finali scudetto. I potentini hanno invece perso 5-1 incappando in una pessima giornata e hanno dovuto abbandonare il sogno al termine, comunque, di un'ottima stagione.

 

 

TROFEO BUFARINI SERVIZI AMBIENTALI A CHIARAVALLE (Coppie cat B-Coppie cat.C)

CHIARAVALLE (AN) - "Non passa lo straniero" alla bocciofila Chiaravallese.

Le formazioni di casa, infatti, hanno fatto il pieno nel 13°Trofeo Bufarini Servizi Ambientali, gara divisa nelle competizioni per coppie di categoria B e per quelle di categoria C organizzata dalla bocciofila Chiaravallese, presieduta da Mario Omenetti.

In entrambe le categorie hanno vinto coppie della bocciofila organizzatrice.

Erano con 59 formazioni iscritte nella categoria B agli ordini del direttore di gara Silvano Manuelli.

A vincere i padroni di casa Maurizio Capomagi-Fernando Medici (Chiaravallese) che in finale hanno sconfitto 10-7 i giovanissimi Tommaso Martini-Aabid Anoir Malizia (Ancona 2000) reduci dall'aver vinto la scorsa settimana lo scudetto juniores a squadre con la casacca della San Cristoforo Fano a cui erano stati ceduti in prestito per l'occasione. Terzo posto per Giovanni Maggiori-Rolando Cartuccia (Casenuove), quarti Luciano Marinoni-Robertino Serfilippi (La Novilarese).

In programma c'era anche la gara per coppie di categoria C con 62 formazioni iscritte.

Successo chiaravallese completato da Mario Morganti-Eugenio Pacetti che in finale hanno battuto 12-4 Sergio Cingolani-Denny Vigoni (Jesina). Terzi Attilio Ramazzotti-Moreno Moretti (Ancona 2000), quarti Araldo Ferrini-Enzo Amadio (Campanelli Moie).

Si è trattata, probabilmente, della gara più lunga della storia delle bocce visto che i gironi di qualificazione si erano disputati nell'ultima settimana di febbraio, ma l'emergenza Covid aveva impedito la disputa delle finali che sono state dunque recuperate sabato 12 settembre.

 

MARCHE CHALLENGE

JESI (AN) - Chiamarla "manifestazione promozionale" è limitativo, chiamarla "gara a squadre" significa non coglierne lo spirito, chiamarla "ritrovo tra amici" significa non descriverne l'aspetto agonistico. In realtà, il Marche Challenge è molto di più: è il vero senso dello sport in generale, prima ancora che delle bocce in particolare.

Parliamo dell'unica manifestazione sportiva a squadre, forse in tutto il mondo, in cui gareggiano insieme atleti uomini, atlete donne, atleti juniores e atleti paralimpici, fianco a fianco, con l'obiettivo sociale di integrarsi e divertirsi oltre che con quello sportivo di gareggiare per vincere.

E' il terzo anno che si gioca il Marche Challenge, questa bellissima manifestazione ideata nel 2018 da Laura Erbaccio (vice presidente Fib Marche e responsabile del settore femminile) e Luca Capponi (coordinatore e membro del direttivo). Insieme a loro Giulio Zampetti (direttore di gara) e Tonino Tonelli, instancabili organizzatori. Ad aggiungersi alla splendida organizzazione, gli arbitri delle delegazioni marchigiane che si prestano volontariamente per l'occasione.

Il Covid quest'anno ha assottigliato gli appuntamenti e li ha spostati in avanti nel calendario (di solito si giocava in estate). Ciò non ha impedito che l'evento si svolgesse anche nel 2020 seppur in sole tre tappe, la prima delle quali è andata in scena domenica 13 settembre a Jesi, alla bocciofila Jesina presieduta da Ubaldo Carletti, altro personaggio delle bocce marchigiane sempre aperto a questo genere di iniziative.

In campo otto squadre composte da sei atleti ciascuna (un senior, una donna, due paralimpici e due juniores) che si sono sfidate in partite di coppia con formazioni composte da un atleta per ogni categoria.

Ne è scaturita una classifica con successo per la squadra fucsia (così denominata per il colore delle magliette, diverse per ogni squadra), ma ovviamente il risultato finale è l'aspetto che meno interessa.

Il Marche Challenge prevede altre due tappe: il 4 ottobre alla bocciofila Metaurense di Calcinelli e il 22 novembre alla bocciofila San Cristoforo di Fano.

Con tag A2 bocce, bocce

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post